Aggiornato il 21 maggio 2019 alle 11:24
|
Un portale per il monitoraggio territoriale sui beni confiscati alla criminalità organizzata
Centro di agricoltura sociale
La storia del bene confiscato alla camorra: il lavoro di Agrorinasce e della cooperativa sociale Eureka che lo gestisce
Centro di agricoltura sociale ‘Antonio Di Bona’, è un un ‘Centro di avviamento al lavoro agricolo per persone svantaggiate’, ubicato nel comune di Casal di Principe (CE), in località Difesa Casale e Casa Volpe. Trattasi di due terreni agricoli confiscati a Ferraro Sebastiano. 

Il lavoro svolto da Agrorinasce nella fase di recupero

Beni confiscati a titolo definitivo in data 28/04/2005 e assegnati al comune di Casal di Principe con destinazione d’uso campi di boccia ad uso ricreativo e sportivo agli anziani ed i giovani. Con nota del 21/12/2005 il consorzioAgrorinasce, in linea con la sua missione di rafforzamento della legalità anche attraverso il recupero ai fini sociali e produttivi dei beni confiscati alla camorra, ha fatto istanza al Comune di Casal di Principe per l’assegnazione dei predetti beni confiscati per la realizzazione di un “Centro per l’avviamento al lavoro agricolo di persone svantaggiate”. Agrorinasce ha così predisposto la progettazione preliminare per il recupero dei terreni agricoli ...
Continua a leggere...
Articoli di monitoraggio