Aggiornato il 21 maggio 2019 alle 11:24
|
Un portale per il monitoraggio territoriale sui beni confiscati alla criminalità organizzata
Centro di avviamento al lavoro artigianale per persone svantaggiate
Casa Don Milani
La storia del bene confiscato alla camorra: il lavoro di Agrorinasce e della cooperativa sociale Agropoli Onlus
Casa Don Milani, un Centro di avviamento al lavoro per persone svantaggiate sito in Casal di Principe in via Giacosa, è una villa confiscata a Mario Caterino, esponente del clan dei casalesi, gestito da un raggruppamento di cooperative sociali, con capogruppo la cooperativa sociale Agropoli Onlus

Il lavoro svolto da Agrorinasce nella fase di recupero: con atto dell’Agenziadel Demanio, il bene è stato trasferito al patrimonio comunale destinandolo a Sede del Consorzio Agenzia Intercomunale per l’Ambiente ed uffici comunali. Agrorinasce in linea con la sua missione di rafforzamento della legalità anche attraverso il recupero ai fini sociali e produttivi dei beni confiscati alla camorra, in data 20/03/2006, ha fatto istanza al Comune di Casal di Principe per l’assegnazione del predetto bene confiscato e destinando quale “Centro per l’avviamento al lavoro per presone svantaggiate”. Agrorinasce ha così predisposto la progettazione preliminare per il recupero dell’immobile per un importo pari ad euro 300.000,00 e l...
Continua a leggere...
Articoli di monitoraggio